copyright © all rights reserved 2016
IT / EN

MONTECUCCO ROSSO DOC

AL “CIARLONE”, L’UOMO DALLA PAROLA FACILE, E ALLA DIMENSIONE CONVIVIALE CHE DA SEMPRE ACCOMPAGNA IL VINO, ABBIAMO DEDICATO IL NOSTRO MONTECUCCO PIÙ GIOVANE E ALLEGRO, DALLA FACILE BEVA E IDEALE SOSTEGNO DI ALLEGRE SERATE IN COMPAGNIA.


   SCARICA LA SCHEDA TECNICA IN PDF

Ciar lone

» I VINI

2012

La stagione 2012

Dopo tanti anni abbiamo avuto un inverno rigido e ricco di precipitazioni nevose con una coltre che si è mantenuta per quasi tutto il mese di febbraio. La primavera, seppur tardiva, è partita decisa anche se con pochissime precipitazioni, questa tendenza ha accompagnato anche il periodo estivo con temperature tipiche della zona senza picchi estremi di calore. Questo ha contenuto gli eccessi di vigoria favorendo grappoli spargoli e di medie piccole dimensioni. La vendemmia e’ iniziata a meta’ settembre protraendosi fino a quasi tutto il mese di ottobre per le varietà più tardive ed i Sangiovese di maggior pregio. Il 2012, con produzioni contenute ha fornito uve di grande pregio dando origine a vini di spessore e carattere.

DURATA FERMENTAZIONE ALCOLICA: 10 – 12 GIORNI
FERMENTAZIONE MALOLATTICA: SPONTANEA IN VASCHE DI ACCIAIO INOX
MATURAZIONE: 12 MESI IN VASCHE DI ACCIAIO INOX SULLE PROPRIE FECCE FINI
AFFINAMENTO: 6 MESI IN BOTTIGLIA

DATI ANALITICI D’IMBOTTIGLIAMENTO:
ALCOL: 13,28 %VOL
ZUCCHERI RESIDUI: 1,6 g/l
ACIDITÀ TOTALE: 5,3 g/l
pH: 3,37
ACIDITÀ VOLATILE: 0,34 g/l
ESTRATTO SECCO: 32,5 g/l

Scheda Tecnica

DENOMINAZIONE: MONTECUCCO ROSSO DOC
UVE: SANGIOVESE 60% - MERLOT, ALICANTE, PETIT VERDOT 40%
VIGNETI: SUGHERETA
ANNO D’IMPIANTO: APRILE 2007
TIPOLOGIA TERRENO: POLIMORFO E VARIEGATO CON LENTI DI ARGILLE AFFIORANTI, PORZIONI PIÙ ARIDE MOLTO RICCHE DI SCHELETRO E MASSI ED AREE PIU’ FERTILI E DOTATE DI SOSTANZA ORGANICA
ESPOSIZIONE: SUD-OVEST
ALTITUDINE: 350 mslm
DENSITÀ IMPIANTO: 5.500 PIANTE/Ha
SISTEMA DI ALLEVAMENTO: CORDONE SPERONATO
RESA PER ETTARO: 80 QUINTALI
VENDEMMIA: RACCOLTA MANUALE IN CASSETTA A FINE SETTEMBRE
VINIFICAZIONE: LE UVE ACCURATAMENTE RACCOLTE VENGONO SELEZIONATE MANUALMENTE IN CANTINA SU UN NASTRO DI CERNITA PRIMA DI INIZIARE LA FERMENTAZIONE ALCOLICA CON LIEVITI SELEZIONATI A TEMPERATURA CONTROLLATA DI 26 °C. LA MACERAZIONE SULLE BUCCE DURA IN MEDIA 10 - 12 GIORNI CON RIMONTAGGI ALL’ARIA FINO A FINE FERMENTAZIONE

Note degustative

Di un rosso brillante, evidenzia da subito il suo carattere di freschezza, con un profumo intenso e vinoso, caratterizzato dalle note fruttate polpose, in cui riconosciamo la marasca e la susina. Al palato si presenta ricco e intenso, con un tannino presente ma ben strutturato e bilanciato dalla piacevole morbidezza e dalla giovanile freschezza. Persistente il finale con una leggera e piacevolissima nota amarognola.

Vino fresco e snello, servito in ampi calici alla temperatura ottimale di 16-18°C ben si sposa con taglieri di salumi e formaggi a media stagionatura, magari leggermente fusi alla griglia. Si esalta con primi piatti saporiti, quali le classiche lasagne e i pici al ragù di carne, e con i piatti a base di pollo, coniglio o tacchino, magari in umido o in leggero arrosto. E’ imperdibile con le grigliate miste e le salsicce, in cui il frutto e la naturale morbidezza accompagnano perfettamente le note aromatiche e affumicate.

Abbinamenti

Nella tradizione dell’Italia tutta, e della Toscana in particolare, la dimensione conviviale non può prescindere da un buon bicchiere di vino.
Era uso giornaliero dei contadini toscani ritrovarsi, dopo una faticosa giornata di lavoro, in una tipica osteria e sciacquarsi dalla gola la polvere dei campi e delle vigne con un po’ del vino che avrebbe rappresentato il frutto di tanto lavoro.
Tra loro, era facile imbattersi in improvvisati cantastorie, girovaghi e vagabondi, che in cambio di un bicchier di vino (o meglio due o tre) intrattenevano la compagnia cantando le loro rime in ottava, con storie di altri tempi, leggende di santi e draghi,di miracoli e di magie, di cui la terra di Maremma abbonda, e che il calore del vino rendeva più credibili.

la Leggenda